Eccellenze del Sannio, le Ceramiche di Cerreto Sannita

Related Articles

I primi decenni del settecento rappresentarono il momento d‘oro della ceramica cerretese e risorgevano le antiche industrie e botteghe artigiane. Le botteghe figuline della nuova Cerreto furono volute dal feudatario dell’epoca Marzio Carafa. Una delle prime e più illustri fornaci fu quella che il maestro napoletano Nicolò Russo impiantò in casa del magnifico Francesco Mastracchio. A grandi maestri, come il già citato Russo e Giustiniani, si deve la nascita della Scuola delle Maioliche Cerretesi. Vere è proprie dinastie di ceramisti furono i Fraenza, i   Festa, i Marchitto e i Di Leone le cui creazioni venivano esportate in tutto il Meridione. Consolidata, ormai, l‘industria stovigliera andavano nascendo nuove forme espressive della ceramica ed in particolare il gusto di concepire e accordare la maiolica in armonica consonanza con la decorazione plastica e la linea architettonica degli edifici.

L’arte figulina, a Cerreto, rivestì maggiore importanza tra il ‘600 ed il’700, epoca del vivace barocco napoletano. Nel ‘600 la ceramica Cerretese è caratterizzata dall’influenza dei bianchi faentini oppure interpreta liberamente schemi d’arte in una scala cromatica che si articola dai gialli ai verdi, ai blu zafferano, mentre, alla metà del Settecento, si afferma il chiaroscuro turchino, blu cobalto, soprattutto per i vasi da farmacia. Con l’avvento del rococò compaiono nelle ceramiche cerretesi vivaci accostamenti cromatici per i motivi a cineserie, floreali e di influenza francese si afferma il monocromatismo bruno-paonazzo su smalto grigio. L’ultimo momento della ceramica cerretese è contrassegnato da un ritorno all’imitazione antica, alla decorazione ad ornato neo-classico. Manufatti dell’ultimo periodo sono un po’ qua e là: sui muri, nelle case, nelle Chiese, nelle ceramoteche. Volgendo l’Ottocento, poco a poco, le gloriose faenzere chiudevano i battenti per poi riaprirli solo agli inizi del 1970 quando nuovi e nostalgici maestri rituffandosi nelle fonti originarie dell’arte figulina riaccendevano quella suggestiva e valorosa avventura dell’arte meridionale che fu ed è: la Ceramica Cerretese.

More on this topic

Comments

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Advertisment

Popular stories

Complesso Monumentale Santa Sofia Benevento, patrimonio Unesco

La chiesa di Santa Sofia fu fondata dal duca Arechi II subito dopo la sua elezione, avvenuta nel 758 d.C., con la funzione di...

Teatro Romano

Il teatro romano di Benevento fu inaugurato nel 126 d.C. sotto l'imperatore Adriano. Recentemente sono emerse sotto di esso strutture sepolte da un'alluvione avvenuta nel I secolo d.C.:...

Tour a Guardia Sanframondi – sui luoghi dei riti settennali

Guardia Sanframondi è un borgo medievale alle pendici del Titerno, tr a la valle del Calore ed il parco regionale del Matese. E’ una...